Il mercato dell’oro e il suo impatto nell’economia Cinese.

Oro e il suo impatto nell'economia Cinese

L’ Oro e il suo impatto nell’economia cinese è un argomento di analisi e studio per le implicazioni che ha sui mercati internazionali.

Il metallo prezioso è ampiamente riconosciuto come un bene rifugio altamente liquido, non comporta alcun rischio di controparte e si manifesta durante i periodi di incertezza. L’oro è spesso non correlato ad altre attività: quando le azioni e le obbligazioni diminuiscono di valore, il prezzo dell’oro tende a salire. 

Lo sostiene Wu Xiaoling, presidente del consiglio di amministrazione della PBC School of Finance, Università Tsinghua ed ex vice governatore della Banca popolare cinese. La Signora Wu è ampiamente riconosciuta per il suo contributo alla crescita finanziaria ed economica della Cina.

Oro e il suo impatto nell’economia Cinese

La signora Wu ritiene che l’oro abbia un ruolo cruciale da svolgere nel continuo sviluppo della Cina e nell’internazionalizzazione della valuta cinese.

Oggi, in un contesto di crescente incertezza economica e geopolitica, ci troviamo in presenza di un crescente interesse per l’oro come classe di attività economica, in particolare dopo un mercato azionario rialzista come quello dell’ultimo decennio.

L’interesse per l’oro è ulteriormente aumentato dopo che le banche centrali si sono indirizzate verso una posizione più accomodante sui tassi di interesse.  Le banche centrali hanno acquistato oro in quantità maggiori rispetto a qualsiasi altro momento dal 1971.  

“Il prezzo dell’oro è influenzato dai tassi di interesse e dal dollaro USA. Quando il dollaro si indebolisce, l’oro aumenta e viceversa. 

Quale componente importante dei mercati finanziari, anche il mercato dell’oro ha una certa influenza sulla trasmissione della politica monetaria. 

L’aumento e la riduzione del rapporto dell’oro nei portafogli di attività delle banche centrali hanno anche un impatto sulle aspettative del mercato e sui tassi di interesse. Questi incidono così sull’allocazione delle attività degli attori del mercato “, afferma Madame Wu. 

Ridurre le restrizioni e ampliare la quota di esportazione.

“La ricerca effettuata sull’oro e il suo impatto nell’economia cinese, ha dimostrato che il tasso di interesse reale ha un impatto significativo sul prezzo dell’oro. Con la caduta dei tassi di interesse reali, le qualità di rifugio sicuro dell’oro vengono alla ribalta. Pertanto, in un contesto economico pieno di incertezza, le discussioni sul ruolo dell’oro possono avere implicazioni concrete e pratiche “. 

Tali discussioni sono particolarmente rilevanti in Cina. Il mercato dell’oro cinese ha già fatto passi da gigante da quando lo Shanghai Gold Exchange ha aperto le sue porte nel 2002. Oggi è il più grande mercato fisico spot al mondo, con una reputazione di trasparenza e responsabilità. Ma la signora Wu ritiene che alcuni cambiamenti significativi debbano essere fatti affinché il mercato dell’oro cinese possa realizzare il suo potenziale. 

Modificare le politiche sull’oro

“Le restrizioni sull’allocazione dell’oro nei portafogli di attività da parte di compagnie assicurative, fondi previdenziali, fondi pensione e altre istituzioni dovrebbero essere allentate, per introdurre più fondi a lungo termine nel mercato dell’oro cinese. E dovremmo continuare ad aumentare l’ampiezza e la profondità del mercato dell’oro, diversificare i prodotti di gestione del rischio d’oro e aumentare la percentuale di investitori istituzionali a lungo termine. Ciò creerebbe un mercato dell’oro onshore più dinamico e resistente “, suggerisce. 

“New York e Londra sono i centri finanziari del mondo. Il mercato dei futures sull’oro di New York e il mercato spot dell’oro di Londra sono i centri di valutazione dell’oro e influiscono anche sul prezzo dell’oro. L’espansione dell’apertura finanziaria è una parte importante dell’apertura globale della Cina nella nuova era. E l’introduzione di un sistema di quote per le esportazioni di oro in linea con l’attuale sistema di quote per le importazioni renderà più fluido il flusso bidirezionale dell’oro. 

Il mercato dell’oro cinese è a senso unico, con quote di importazione e nessuna quota di esportazione. Un’apertura a doppio senso del suo mercato dell’oro potrebbe attrarre un maggior numero di investitori istituzionali a lungo termine all’estero a partecipare al consiglio internazionale di Shanghai Gold Exchange, arricchire le varietà commerciali con scadenze diverse e migliorare la liquidità del prodotto, che potrebbe espandere l’influenza internazionale dell’oro cinese mercato”.

La signora Wu ritiene inoltre che la Cina dovrebbe cambiare la sua posizione sull’esportazione di oro. Oggi la Cina è il maggiore consumatore e produttore di oro ma non esiste una quota di esportazione dell’oro. La signora Wu suggerisce che l’apertura bidirezionale del mercato dell’oro cinese amplierà la sua influenza internazionale. 

Il rapporto fra oro e valuta cinese

Ci sono anche problemi più ampi. Nel corso degli anni, la liberalizzazione del mercato dell’oro cinese ha sostenuto l’internazionalizzazione dello Yuan. Questa tendenza è stata particolarmente evidente da quando lo Shanghai Gold Exchange ha lanciato il suo braccio internazionale nel 2016, consentendo agli investitori stranieri di utilizzare valute estere convertibili e Yuan offshore per partecipare al mercato dell’oro cinese. 

L’ulteriore internazionalizzazione dello Yuan promuoverà la crescita in Cina e aiuterà il paese a superare le sfide attuali e future. La signora Wu è fiduciosa che l’oro possa svolgere un ruolo fondamentale in questo processo. 

“L’ulteriore liberalizzazione del mercato dell’oro in Cina, in particolare il mercato denominato in Yuan, è un passo cruciale nell’internazionalizzazione dello Yuan. Dobbiamo liberalizzare ulteriormente il mercato dell’oro in Cina, in modo da sostenere l’internazionalizzazione della nostra valuta ed espandere la nostra influenza internazionale “.

Sin dall’ultima crisi finanziaria globale, economisti, politici e regolatori hanno riconosciuto che il sistema monetario internazionale deve evolversi. Tradizionalmente è stato fortemente dipendente dal dollaro USA, ma c’è una crescente convinzione che le nazioni di tutto il mondo hanno bisogno di più opzioni di insediamento. 

Nel 2016, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha lanciato un nuovo paniere di valutazione dei diritti speciali di prelievo (DSP), aggiungendo lo Yuan alle altre quattro valute dei DSP, il dollaro, l’euro, lo yen e la sterlina. Nel tempo, ciò dovrebbe facilitare i pagamenti internazionali nella valuta cinese e quindi espandere il ruolo della Cina nel mercato globale degli insediamenti. L’apertura del mercato dell’oro cinese potrebbe svolgere un ruolo in questo processo. 

Promuovere un’apertura bidirezionale del mercato dell’oro in Cina

“Prendere il comando dell’apertura bidirezionale del mercato denominato in RMB (sigla che identifica in Cina lo Yuan) è più favorevole all’internazionalizzazione dell’RMB. Dato che la Cina è un importatore netto di oro, un mercato dell’oro denominato in RMB promuoverebbe la circolazione di RMB offshore e aumenterebbe la fonte di fondi per investimenti offshore in RMB in Cina “, afferma la Signora Wu. 

Per la Signora Wu, la necessità di agire è particolarmente importante in un contesto di cambiamento economico e sociale. 

“Sono passati 40 anni da quando la Cina ha iniziato a riformare e ad aprire la sua economia. Indubbiamente, il mercato dell’oro ha svolto un ruolo cruciale in tale processo. Oggi, tra le crescenti incertezze globali, i mercati finanziari cinesi si trovano ad affrontare enormi opportunità e sfide. E’ fondamentale capire il mercato dell’oro e il suo impatto nell’economia cinese. Un mercato dell’oro sano può essere il principale stimolo interno alla riforma “. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*